Futuro Virale #1 – Cristiano Bottone, “Immaginare un altro futuro”
Marzo 2, 2020
Futuro Virale #3 – Veru Gennari, “Organizzazioni Positive e Futuro”
Marzo 16, 2020

Paolo Venturi, "Futuro e Fiducia: non impigrite il desiderio!"

FUTURO VIRALE #2

 

#FUTUROVIRALE, Paolo Venturi ospite della seconda puntata

Nella seconda puntata di #FUTUROVIRALE abbiamo ospitato Paolo Venturi per parlare di Futuro e Fiducia: l'idea ci è venuta proprio grazie a un suo articolo uscito su Vita no profit, dal titolo "Non mettiamo in quarantena la Fiducia".
Paolo è direttore generale del centro studi AICCON, member advisory board di Nesta Italia, docente di economia civile presso Università di Bologna e fa parte del gruppo di lavoro del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali per la riforma del terzo settore.
 

 

La Fiducia è a rischio? Sì, no, forse.

- La Fiducia è un elemento imprescindibile per vivere il presente e generare Futuro, perché è ciò che rende il Futuro (personale e globale) davvero auspicabile, specialmente ora che ci troviamo in un momento di Retrotopia, parola che Bauman ha individuato per delinare la "paura del Futuro".

- Se non abbiamo Fiducia, abbiamo paura: la paura è ciò che toglie energia alla nostra capacità di desiderare. Ci troviamo quindi davanti a una nuova sfida: come costruire nuovi paradigmi di comunità?

- Parole chiave per leggere il presente e generare il Futuro nell'oggi, alla luce di grandi trasformazioni che ancora non possiamo (e non dobbiamo!) avere la pretesa di comprendere immediatamente. Le parole chiave ci possono aiutare per fare una lettura calma e consapevole:

° LUOGO > la dimensione del luogo è quel pezzo di realtà in cui si modella anche il futuro

° CONSAPEVOLEZZA > che si genera anche grazie a una disciplina quotiana di informazione, esercizio, sperimentazione ed esperienza

* RESPOSABILITÀ > ovvero la capacità di leggere in modo oggettivo ciò che muoviamo, e assumerci il carico e le conseguenze

° TRASFORMAZIONE > per esempio in caso di fatica o fallimento: dobbiamo essere consapevoli che non dobbiamo essere misurati da tutto ciò che ci succede, nè dobbiamo misurarlo. La trasformazione è un processo attivo nel quale lo accettiamo e lo lavoriamo, combattendo l'inerzia

° SPERANZA e OTTIMISMO > che differenza c'è tra speranza e ottimismo? L'ottimismo è più fermo della speranza: la speranza infatti, non è un vago "essere ottimisti", ma avere la certezza incrollabile che ciò che si fa ha un senso

° IMPRENDITORIALITÀ > è proprio ora che abbiamo bisogno di ribaltare il paradigma del rischio con intraprendenza: la vera imprenditorialità è questa

- Quindi, COME SI GENERA FIDUCIA?

Innanzitutto, dobbiamo essere consapevoli che non si tratta di un atto automatico: dobbiamo disciplinarci, impegnarci, muoverci a livello cognitivo e relazionale perché avvenga. Lo possiamo fare attraverso due "movimenti":
° il primo è una giusta dose di sano realismo: conoscere le fonti, usarle in modo corretto, ridurre l'emotività e rimanere lucidi, per essere sempre consapevoli di ciò che accade intorno a noi
° il secondo è non impigrire il desiderio: abbiamo una responsabilità verso i nostri desideri, sono ciò che ci rendono vivi. Dobbiamo muovere la nostra creatività, creare in continuazione modelli nuovi, sperimentarli.
 
 

Link utili per approfondire

Durante la seconda puntata di #FUTUROVIRALE sono stati toccati molti temi e citate diverse fonti: ecco qui una selezione utile per approfodire. Grazie a tutti!

- Paolo Venturi su Il Sole 24 ore "Cosa ci sta insegnando il coronavirus"
- Zygmunt Baumann, libro Retrotopia
- Paolo Venturi, libro "Dove: la dimensione di luogo che ricompone impresa e società"